Tempio di Garni, Monastero Geghard

10% sconto fino al 15 giu

L'arco di Charents, Tempio di Garni, Monastero Geghard

1. L'arco di Charents
Visitare la pagina
L'arco di Charents
L'arco di Charents è stato creato dall'architetto Raphael Israelyan. Un giorno, mentre si recava a Garni, si fermò in questo punto e, notando che da questo luogo si apriva una vista pittoresca sul Monte Ararat, decise di costruire un arco come "tempio" dell'Ararat. L'Arco è stato costruito nel 1957, in quest'anno il grande poeta armeno Yeghishe Charents ha celebrato il suo 60° anniversario di nascita. Si dice che anche il poeta amasse passeggiare per questo luogo. È come la cornice di un quadro, da cui si apre un'affascinante vista della valle dell'Ararat con Masis che galleggia in lontananza. Sull'apertura frontale, lungo l'arco, sono scolpite le parole che completano la celebre poesia di Charents:
"Non c'è cima bianca come la neve come quella dell'alto Ararat;
Come un lontano sentiero verso la gloria - quel monte, mia guida senza tempo - io amo!"

Andare al Garni senza fermarsi qui è una grande tentazione! Finalmente puoi fare qui splendide foto con lo sfondo Arcone Monte Ararat, solo il tempo dovrebbe essere chiaro.
2. Tempio di Garni
Visitare la pagina
Tempio di Garni
Il tempio pagano di Garni è l'unico monumento nel suo genere, che si riferisce all'epoca di ellenismo, conservato sul territorio dell'Armenia. E' situato a distanza di circa 28 km da Yerevan, in prossimità di un'ansa formata dal fiume Azat. Il tempio fu edificato nel I secolo d.C. dal re Tiridate I di Armenia. Il tempio era probabilmente dedicato al dio del sole Mitra. Dopo l'adozione del Cristianesimo il tempio non viene distrutto, ma diventa base militare e residenza estiva del sovrano. L'edificio è andato distrutto in seguito ad un terremoto nel 1679. Gran parte dei pezzi originari rimasero sul posto fino al XX secolo cosicché, tra il 1966 e il 1976, è stato possibile ricostruire la struttura. Oggi intorno al tempio si può vedere le rovine del palazzo reale, della fortezza antica, ecc. Di particolare interesse sono i bagni reali, che presentano una cella di riscaldamento ancora ben conservata. Il pavimento interno del bagno è decorato con mosaici ispirati a figure della mitologia greca. Una delle iscrizioni in koinè greca recita: "senza aver preso nulla, abbiamo lavorato".
3. Monastero Geghard
Visitare la pagina
Monastero Geghard
Il monastero di Geghard è un'eccezionale costruzione architettonica che si trova nella provincia di Kotayk, a distanza di 9 km dal Tempio di Garni. Esso è parzialmente scolpito nella roccia di una montagna adiacente. Benché la cappella principale sia stata costruita nel 1215, il monastero venne fondato nel IV secolo da San Gregorio Illuminatore nel luogo di una sorgente sacra all'interno di una grotta. Per questa ragione il nome originale del monastero fu quello di Ayrivanq, che significa "il monastero della grotta". Il nome comunemente usato oggi, Geghard, significa "il monastero della lancia", con riferimento alla lancia che ferì Cristo durante la crocifissione. Il complesso è composto della chiesa principale, Katoghike, della cappella, due chiese scavate nella roccia e la chiesa di Madonna, considerate il monumento più antico del complesso. Il sito è incluso nella Lista del Patrimonio Culturale Mondiale dell'UNESCO.

Inclusioni

  • Autisti professionali
  • Veicoli con aria condizionata
  • Acqua in bottiglia
  • Pick-up e drop-off gratis a Yerevan
  • Assicurazione di veicoli e passeggeri
  • Soste extra sul percorso

Esclusioni

  • Deviazioni significative dal percorso
  • Bevande alcoliche se selezionate con l'opzione pranzo
  • Audioguide
  • WiFi nei veicoli