Lago Sevan, Monastero Sevanavanq, Diligian, Monastero Gosciavanq, Monastero Haghartsin

Lago Sevan, Monastero Sevanavanq, Diligian, Monastero Gosciavanq, Monastero Haghartsin

1. Lago Sevan
Visitare la pagina
Lago Sevan
Il Lago Sevan, che vuol dire "lago blu", è il più grande lago del Caucaso ed uno dei più grandi laghi d’alta quota al mondo. E’ la "perla azzura" dell’Armenia. Ha una superficie di 1400 chilometri quadrati e si trova all’altitudine di 1900 m. sopra il livello del mare. Riceve l’acqua da 28 corsi d’acqua ed ha come unico emissario il fiume Hrazdan. Il lago ha una formazione vulcanica ed è circondato da una catena montuosa. La natura bellissima e l’acqua cristallina creano tutti i comfort per il vostro riposo.
2. Monastero Sevanavanq
Visitare la pagina
Monastero Sevanavanq
Dalla parte nord-occidentale del lago Sevan si apre un panorama bellissimo, dove dalla superficie speculare del lago sale la penisola, con i suoi monasteri medievali. I monasteri sono stati fondati nel 874 sull’ordine della figlia di Ashot Bagratuni, la regina Mariam. Sullo sfondo del cielo azzuro ed il lago turchese, le chiese San Arakelots e Astvatsatsin (Madre di Dio) lasciano un’impressione incancellabile.
3. Diligian
Visitare la pagina
Diligian
Diligian attira l’attenzione della gente per la sua natura unica ed il clima mite. E’ famoso come una città di una stazione climatica, localizzata nella parte occidentale del fiume Aghstev. La città è celebre non solo per le sue cliniche, ma anche per i suoi monumenti architettonici: il monastero di Haghartsin, Gosciavanq, sagrestie, khachkar, ecc.
Fermata per pranzo
Fermata per pranzo
Pranzo opzionale a proprie spese in un ristorante tradizionale locale. Si può scegliere tra 3 diverse opzioni:
Opzione 1 (vegetariana) - 3500 AMD per persona
Opzione 2- 3900 AMD per persona
Opzione 3 - 4500 AMD per persona
4. Monastero Gosciavanq
Visitare la pagina
Monastero Gosciavanq
Mkhitar Gosh, uno statista, scienziato e scrittore, autore di numerose favole e parabole e del primo codice penale, ha preso parte alla costruzione del monastero di Gosciavanq, che era conosciuto come Gosciavanq nella sua onore. Il complesso monastico è composto da alcune chiese, tra le quali la chiesa di San Gregorio Illuminatore, la biblioteca e i locali ausiliari. Sono di gran valore particolarmente i Khachkar ( croce in pietra) di Poghos, il migliore dei quali si trova all’entrata della chiesa di San Gregorio Illuminatore. Goshavanq è considerato uno dei principali centri culturali dell´Armenia medievale, in cui Mkhitar Gosh ha fondato una scuola, che non è conservata fino ad oggi.
5. Monastero Haghartsin
Visitare la pagina
Monastero Haghartsin
Nelle foreste pittoresche della regione di Tavoush davanti a noi si apre uno dei capolavori dell’architettura armena – il monastero di Haghartsin, un esempio lampante dell’armonia della natura con l’architettura. Il complesso monastico è stato fondato nei secoli 10-13 ed è composto delle chiese di San Gregorio, di Madonna, di San Stefano e di altri locali accessori. Vicino a Haghartsin cresceva un’enorme quercia, quasi all’età del monastero, completando l’intero paesaggio. Sfortunatamente, solo una piccola parte della cavità è rimasta fino ai giorni nostri, tuttavia, è ancora di grande interesse tra i visitatori e conserva la tradizione, secondo la quale, quando si fa un desiderio e allo stesso tempo si riesce a passare attraverso l’albero (cavo), dovrebbe realizzarsi nel prossimo futuro.

Inclusioni

  • Guida professionale: ENG + RUS + ARM consecutivamente
  • Veicoli con aria condizionata
  • Acqua in bottiglia e biscotti
  • Biglietti d'ingresso
  • WiFi nei veicoli
  • Assicurazione di veicoli e passeggeri

Esclusioni

  • Trasferimento all'albergo
  • Prezzo del pranzo (3 500 AMD – 4 500 AMD)
  • Visitate uno dei più grandi laghi d'acqua dolce d'alta quota dell'Eurasia
  • Ammirate le foreste della "Svizzera armena"
  • Esplorate i monasteri più famosi in Armenia

*200 gradini per salire a Sevanavank
*600 m per scendere a piedi dalla collina fino a Haghartsin
*Portate con voi Dram in contanti: non sempre è possibile pagare il pranzo al ristorante con carta di credito